Histadrut, il centro sindacale nazionale israeliano, e PGFTU, confederazione palestinese dei sindacati, entrambi affiliati ITUC, hanno raggiunto un accordo storico per proteggere i diritti dei lavoratori palestinesi assunti da imprenditori israeliani e per basare le relazioni future sulle negoziazioni, sul dialogo e su iniziative comuni per far avanzare “fraternità e coesistenza tra i due popoli.” L’accordo attuale prosegue nel solco di un accordo del 1995, che non è stato possibile realizzare pienamente negli anni passati.

Le caratteristiche principali dell’accordo includono il rimborso da parte di Histadrut a PGFTU delle somme spese per motivi legali e sindacali pagate dal 1993 da palestinesi che lavorano per imprenditori israeliani. Il rimborso è basato su una dettagliata analisi annuale delle somme pagate dai lavoratori palestinesi, tenendo conto di fondi già trasferiti a PGFTU. Il PGFTU avrà piena libertà di decidere come impiegare i fondi, in linea con il proprio statuto.
In futuro, almeno il 50% delle quote di rappresentanza pagate dai palestinesi impiegati in Israele sarà trasferito a PGFTU, per permettere ad entrambe le organizzazioni di fornire servizi sindacali, di rappresentanza e legali ai lavoratori.
La realizzazione dell’accordo, negoziato insieme a ITUC, sarà controllata da un comitato composto dalle due organizzazioni.
“Questo accordo è tremendamente significativo, in un momento in cui le autorità politiche di Israele e Palestina e la comunità internazionale non riescono a trovare soluzioni durature all’impasse politica”, ha dichiarato Guy Rider, segretario generale di ITUC.
Il segretario generale di PGFTU Shaher Sae’d ha detto che l’accordo “rimuove un ostacolo fondamentale alla cooperazione futura e al pieno rispetto dei diritti dei lavoratori palestinesi. Il lavoro dignitoso è la base per la giustizia politica ed economica, e noi saremo in grado di dedicare ancora più attenzione nell’affrontare lo sconvolgente stato dell’economia palestinese e giocare un ruolo più completo nella ricerca per la giustizia, l’onestà e i diritti democratici nella costruzione di uno stato palestinese.”
Ofer Eini, responsabile di Histadrut ha dichiarato: “Siamo molto contenti che questo accordo sia stato raggiunto. Ogni lavoratore, sia israeliano, palestinese o di altra origine, deve avere pieno diritto alle protezioni offerte dagli standard internazionali del lavoro. Il risultato del nostro dialogo con PGFTU può solamente essere di aiuto nel raggiungere questo obiettivo, e aiuta a creare le basi per la cooperazione futura tra sindacati israeliani e palestinesi e a progredire nella ricerca condivisa di giustizia, pace e prosperità per tutta la regione.”

Fonte: http://www.ituc-csi.org