Segnaliamo l’articolo su Limes on line di Alfonso Desiderio sulle seconde generazioni di immigrati in Italia.

C’è un’Italia che non esiste. O meglio ci sono italiani che esistono ma non sono riconosciuti come tali. Un figlio di immigrati, nato e cresciuto in Italia, può ottenere la cittadinanza se fa la richiesta dopo aver compiuto 18 anni ma prima del compimento del 19o anno di età. Dopo non la potrà più ottenere. Una cittadinanza con la scadenza “da consumare prima del…”. Così chi si è informato può ottenere la cittadinanza, chi non lo sa perde un suo diritto fondamentale. Insomma, cogli l’attimo.
In questo modo poi ci ritroviamo ragazzi nati e cresciuti in Italia, che hanno frequentato le stesse scuole dei coetanei italiani, che vivono come i loro amici italiani, ma non hanno il passaporto italiano ma bensì un permesso di soggiorno dove nel campo paese di provenienza (rivolto ovviamente agli immigrati) c’è scritto Italia! Insomma sono considerati come degli immigrati, solo che loro provengono dal nostro stesso paese! Insomma siamo al ridicolo, se non ci fosse da piangere.
Per approfondire vai all’articolo di Limes on line

ISCOS Marche