presidente iran repressione sindacaleITUC protesta contro l’ultima ondata di repressione che ha preso di mira il sindacato Haft Tapeh in Iran, membro del Federazione Globale Sindacale IUF. Molti sindacalisti sono stati oggetto di pesanti arresti, e successivamente rilasciati, ma Ali Nejati, il presidente del sindacato, arrestato l’8 marzo, è ancora detenuto. Questo arresto segue un procedimento giurisdizionale nei confronti di cinque leader sindacali della piantagione di canna da zucchero Haft Tapeh.

Il procedimento giudiziario contro i cinque sindacalisti si è concluso il 1 ° marzo. Erano tutti accusati di “propaganda contro lo Stato”, per le azioni relative alla legittima attività sindacale, come la richiesta dei salari arretrati e la difesa dei diritti fondamentali di lavoro. Il verdetto sarà noto nei prossimi giorni.
Nel giugno dello scorso anno, cinquemila lavoratori di Haft Tapeh della città iraniana di Shush hanno costituito un sindacato indipendente in seguito a uno sciopero di 46 giorni. Le organizzazioni create dal governo (Casa dei Lavoratori e Consiglio islamico dei lavoratori) per anni hanno completamente omesso di proteggere i lavoratori e le loro condizioni.

L’ITUC ha già scritto al Presidente dell’Iran in varie occasioni a condannare con fermezza gli attacchi da parte delle autorità iraniane sui sindacati indipendenti nel paese. Le forme di pressione psicologica, la tortura e l’uso della pena di morte devono essere denunciati. Farzad Kamangar, il curdo iraniano insegnante e lavoratore sociale rimane in prigione a Evin senza un processo equo, così come Mansour Ossanloo e Ebrahim Madadi del Sindacato dei Lavoratori degli autobus di Teheran e di Periferia(Sherkat Vahed-e), che è ancora soggetto a grave repressione.

“I sindacalisti imprigionati devono essere liberati e tutte le altre minacce di reclusione nei confronti di sindacalisti indipendenti per le loro legittime attività devono essere revocate”, ha dichiarato Guy Ryder, segretario generale ITUC. In una lettera inviata il 4 marzo alle autorità, ITUC ha esortato il governo iraniano a riconsiderare la sua politica di repressione e garantire che la polizia e il sistema giudiziario, compresi i giudici, non vengano utilizzati per reprimere le legittime attività sindacali. “Il governo iraniano deve far fronte alle proprie responsabilità, senza le continue pressioni di altri” ha aggiunto Ryder “.

ISCOS Marche