Segnaliamo dal Messaggero questo articolo di Roberto Bertinetti

Nussbaum scontro dentro le civiltàVoce tra le più autorevoli e influenti del panorama filosofico americano contemporaneo, Martha Nussbaum, docente all’università di Chicago, è da anni impegnata a costruire un nuovo progetto etico-politico capace di favorire l’armoniosa e pacifica convivenza tra uomini e donne di fedi diverse e di rafforzare la giustizia sociale. Il suo libro più recente è dedicato all’India, viene proposto ora in Italia dal Mulino (Lo scontro dentro le civiltà, 455 pagine, 32 euro) e si presenta sin dal titolo come un’esplicita confutazione dell’ipotesi cara a Samuel Huntington – lo studioso statunitense recentemente scomparso – dell’idea che il pianeta sia diviso in blocchi impermeabili proprio sulla base delle appartenenze religiose.

«Huntington – ha chiarito Nussbaum in un’intervista – ci dice che il mondo consiste di civiltà distinte, in lotta tra loro. Ci sarebbe un Occidente libero e democratico minacciato dall’Islam violento e intollerante. Quanto accaduto in India di recente dimostra che non è così, perché esistono movimenti come il Bjp, il partito nazionalista indù al potere nel Gujarat, che da destra perseguita i musulmani. L’ideologia del Bjp penso sia mututata dai nazionalismi e dai fascismi europei degli anni Trenta. Si tratta, insomma, della faccia più violenta dell’Occidente che riemerge oggi in India».

Continua la lettura sul Messaggero

Leggi l’estratto del saggio introduttivo

ISCOS Marche