campagna, globale, diritti, migranti, convenzione

Il 18 dicembre sarà lanciata una campagna globale per sfidare i paesi a mettere fine all’abuso dei migranti tutelando i loro diritti umani.

Eventi a Bruxelles, il Cairo, a Ginevra, Kuala Lampur, Nairobi, New York e Parigi daranno il via alle attività in tutti i continenti per celebrare il 20 ° anniversario dell’adozione da parte delle Nazioni Unite della Convenzione internazionale sulla protezione dei diritti di tutti i lavoratori migranti e delle loro famiglie (ICRMW) nel 1990.

La campagna porterà nelle strade e ai parlamenti la richiesta di agire immediatamente per porre fine alla diffuse violazioni dei diritti umani subite quotidianamente dai migranti di tutto il mondo, attraverso la ratifica di questo strumento di base delle Nazioni Unite. Stime delle Nazioni Unite indicano che entro il 2010 214 milioni di persone vivranno al di fuori dei loro paesi di nascita o di cittadinanza. Quasi la metà di questa cifra, circa 95 milioni, secondo i calcoli dell’Organizzazione Internazionale del Lavoro (OIL), sono economicamente attivi, come i lavoratori migranti. Insieme alle loro famiglie, che costituiscono la grande maggioranza di tutti i migranti internazionali.

La maggior parte dei paesi conosce l’emigrazione sia come origine, destinazione e / o paesi di transito. Molti paesi hanno tutti e tre questi aspetti. “Anche se, per molti, la migrazione è un’esperienza positiva, molti altri migrano sotto costrizione e affrontano difficoltà gravi”, ha sottolineato Carla Edelenbos dell’Ufficio dell’Alto Commissario per i Diritti Umani (OHCHR) e coordinatore della Campagna Globale. “I lavoratori migranti in tutto il mondo sono vittime di abusi, discriminazioni e sfruttamento da parte dei trafficanti, dei datori di lavoro. L’incapacità degli Stati di proteggere efficacemente i migranti contro le pratiche abusive dimostra la necessità urgente per la ratifica “.

ICRMW prevede norme giuridiche in materia di diritto nazionale che riconoscano le vulnerabilità specifiche dei migranti e la promozione umana e legale di lavoro e condizioni di vita. Esso fornisce una guida per le politiche di migrazione che possono essere efficaci solo se basate su norme giuridiche dello Stato di diritto. La ratifica di questa convenzione è vista come essenziale per contrastare l’abuso e lo sfruttamento dei migranti. 42 Stati hanno ratificato la Convenzione dopo l’adozione da parte dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite nel 1990, e altri 15 hanno firmato – la firma è il passo preliminare della ratifica.

“Oggi i membri della FIDH e partner in tutto il mondo hanno lanciato un appello ai loro governi per ratificare la presente convenzione senza ulteriori indugi”, ha dichiarato Cynthia Gabriel, Vice-Presidente e Direttore della CARAM Asia, “gli Stati devono assumersi le loro responsabilità e dire no a sfruttamento e discriminazione. Ci auguriamo che nel 20 ° anniversario della Convenzione celebreremo un numero record di ratifiche “.

“Invitiamo tutti gli Stati che non hanno ancora ratificato la Convenzione delle Nazioni Unite a cogliere questa occasione per inviare un messaggio forte alla comunità internazionale sul loro impegno per la tutela dei diritti umani di tutti gli esseri umani, comprese le persone migranti”, ha aggiunto Guy Ryder , Segretario Generale, International Trade Union Confederation, “ricordiamo loro l’importanza di ratificare le convenzioni dell’OIL sui lavoratori migranti e di garantire che le Convenzioni fondamentali dell’OIL sulla libertà di associazione, il diritto alla contrattazione collettiva, e la protezione dalla discriminazione e dal lavoro forzato e il lavoro minorile siano pienamente applicate ai lavoratori migranti “, ha concluso.

La campagna è lanciata dal comitato direttivo internazionale per la campagna per la ratifica della Convenzione sui diritti dei migranti, una rete unica di agenzie delle Nazioni Unite, organizzazioni internazionali e organizzazioni della società civile globale.

I membri del comitato direttivo comprendono l’Ufficio dell’Alto Commissario per i Diritti Umani (OHCHR), International Labour Office, International Organization for Migration (IOM), l’UNESCO, Federazione Internazionale per i Diritti Umani (FIDH), International Trade Unions Confederation (ITUC), 18 dicembre , International Catholic Migration Commission (ICMC), Human Rights Watch (Hrw), Movimento Internazionale contro ogni forma di discriminazione e razzismo (IMADR), Migrant Forum in Asia (MFA), Migrants Rights International (MRI), Public Services International (PSI) , Women’s International League for Peace and Freedom (WILPF), World Council of Churches (WCC).

Molte altre organizzazioni internazionali e regionali si stanno unendo alla campagna, tra cui CARAM Asia.

Per maggiori informazioni contattare: Katherine Booth, FIDH, +33 6 48 05 93 93, kbooth@fidh.org Carla Edelenbos, OHCHR, +41 22 917 9241, cedelenbos@ohchr.org

ISCOS Marche