La prima e ultima volta in cui Amid dice di avere avuto “veramente paura” si trovava in Iran. Una tappa della sua lunga fuga dall’oppressione. “Mi presero i poliziotti: figurarsi, io afgano nel loro territorio. Senza lo straccio di un documento. Mi menarono di brutto. Ero un bambino. Pensavo di morire. Poi, come un miracolo, quando andarono via lasciandomi a terra con tutto il sangue, la paura sparì. Da quel giorno non ho più avuto la pelle d’oca. Sai, la vita è corta…”. Quella di Amid Arap, 17 anni, promessa nelle giovanili dei Dolphins Goes Ancona (squadra di serie A dell’Italian football league), sembra già parecchio lunga. […]

Continua a leggere su Repubblica.it