YEMEN – Il presidente Ali Abdullah Saleh è arrivato negli Stati Uniti “per proseguire la sua riabilitazione”: lo ha riferito ieri l’agenzia di stampa ‘Saba’. Già da alcuni giorni in Oman, Saleh ha lasciato il suo paese in seguito a un accordo di transizione mediato dal Consiglio di cooperazione del Golfo che prevede la sua uscita di scena in cambio di una piena immunità. Sebbene tuttora formalmente a capo dello Stato, Saleh non dovrebbe tornare in Yemen prima delle elezioni anticipate convocate a febbraio e la sua uscita di scena sembrerebbe definitiva.

IRAQ – Il blocco Iraqiyya, che fa capo a Iyad Allawi, ha deciso di sospendere il boicottaggio dei lavori parlamentari deciso in dicembre in seguito a un mandato d’arresto spiccato contro il vice-presidente Tariq Al Hashemi. Iraqiyya critica l’operato del primo ministro Nouri Al Maliki e continuerà il boicottaggio del governo di unità nazionale, di cui almeno formalmente continua a far parte.

LIBIA – E’ stata votata sabato dal Consiglio nazionale di transizione la nuova legge elettorale. Il testo adottato non prevede ‘quote rosa’ – un punto sui cui i pareri non erano unanimi – mentre fissa a 200 il numero dei deputati che comporranno il Congresso generale nazionale, la cui elezione è in programma a giugno. Saranno inoltre 136 i seggi destinati ai candidati dei partiti politici e 64 quelli destinati agli indipendenti.

BAHRAIN – Il governo di Manama ha confermato la morte di un detenuto di 18 anni arrestato lo scorso mercoledì durante proteste anti-governative. Il ragazzo è morto mentre si trovava in stato di detenzione e sono ancora da chiarire le cause. Nei mesi scorsi organizzazioni internazionali e opposizione hanno accusato la polizia di fare uso eccessivo della forza per reprimere il dissenso e denunciato diversi casi di tortura in carcere.

GIORDANIA – E’ stato ricevuto ieri ad Amman il leader di Hamas Khaled Meshal, Da 13 anni fuori dalla Giordania ed esiliato in Siria, Meshal è stato accolto con tutti gli onori: la sua visita è collegata agli sforzi di mediazione condotti da Amman tra palestinesi e israeliani. Secondo alcune fonti, Hamas potrebbe abbandonare il suo quartier generale di Damasco a causa delle proteste in corso in Siria e della repressione attuata dal regime del presidente Bashar al Assad.