Un momento del corso di formazione

Un momento del corso di formazione

Si è concluso il primo corso organizzato con la confederazione sindacale albanese KSSH nell’ambito del progetto di Iscos Marche denominato “Progetto Rafforzamento del ruolo dei Sindacati nella protezione dei diritti sociali ed economici dei lavoratori albanesi”.

Il corso, della durata di 4 giorni puntava a fornire ad un gruppo di operatori sindacali le nozioni di base necessarie alla gestione di un ufficio vertenze del sindacato. Una parte di questi operatori poi saranno impiegati a supporto dei due uffici che stanno avviando in questi giorni le loro attività a Tirana e Durazzo.

Il bilancio del corso è assai positivo, la qualità delle persone impegnate, quasi tutte in età compresa fra i 25 e 35 anni, la loro formazione di base universitaria e su materie di carattere giuridico, e la presenza di operatori ed operatrici già impegnati nelle attività di supporto legale del sindacato, ha consentito che in tutte le fasi del corso ci fosse uno scambio assai produttivo di idee ed esperienze sia nelle lezioni che nel lavoro di gruppo.

I docenti del corso hanno contribuito al successo per la loro capacità di fornire elementi di riflessione assi diversi nel corso delle giornate del 16 e 17 e del 27 e 28 febbraio. Tutti le comunicazioni sono state seguite con grande interesse: dagli spunti Sulla legislazione lavoristica albanese forniti dalla Dott.ssa Albana Shtylla, all’inquadramento dell’insieme dei diritti dei lavoratori nel quadro giuridico sovranazionale di cui ha parlato il Dott.Ledio Milkani nel primo giorno, per passare alla illustrazione di casi di vertenze che hanno visto impegnato il KSSH negli anni, presentati dall’avvocato dell’ufficio legale del KSSH Edison Hoxha nella seconda giornata.

Particolarmente significative poi le due giornate del 27 e 28 Febbraio, in cui Gualtiero Biondo coordinatore nazionale degli uffici vertenze Cisl e Kol Niccolaj, presidente di KSSH, hanno parlato nello specifico degli uffici vertenze, della loro storia e dei loro obbiettivi. In particolare nella giornata conclusiva Gualtiero Biondo ha descritto con grande attenzione le specificità degli uffici vertenze, la loro caratteristica di essere punto di contatto fra sindacato e lavoratori, la loro necessità di esercitare grande capacità di ascolto e laddove necessario, mediazione fra le specificità della vita reale e la inevitabile astrattezza delle leggi di tutela. Un tema su cui nei commenti post corso si è soffermato più di un partecipante.

Infine da segnalare una sessione dedicata all’illustrazione di alcuni principi sulla raccolta e gestione dei dati degli utenti su base elettronica, principi propedeutici all’introduzione nel sistema degli uffici legali di una gestione elettronica dei dati. I risultati di questo primo corso dimostrano la giustezza dell’intuizione del nostro Carlo Colli, che aveva scritto il primo schema di questo progetto: aver portato a compimento con successo la prima delle attività previste è stato sicuramente un buon modo per onorarlo ad un anno dalla sua scomparsa. Nelle prossime settimane il progetto proseguirà con le attività previste dal progetto che ci auguriamo riesca a contruibuire all’obbiettivo di dare ai lavoratori albanesi un sindacato più forte, più capace d’ascolto e di difesa dei diritti dei più deboli.

Clicca qui per vedere le foto pubblicate sul sito del KSSH: Galleria 1 e Galleria 2