(ANSAmed) – RABAT, 27 SET – ”Il Marocco è determinato a sviluppare l’industria aeronautica che conosce già una crescita rimarcabile”. E’ quanto detto da Aziz Rabbah, ministro marocchino del Trasporto, in occasione della cerimonia di apertura del primo Forum delle imprese, organizzato dall’Accademia internazionale Mohammed VI dell’Aviazione Civile (AIMAC) sull’aeronautica in Marocco.

L’ambizione, ha spiegato Rabbah, è fare dell’aeronautica un vero polo d’eccellenza, capace di creare ricchezza, posti di lavoro e permettere al paese di affrontare la sfida della concorrenza mondiale. Per questo il governo opera senza sosta, proponendo agli investitori esteri, in cerca di opportunità di crescita, un’offerta che include tutti i fattori di competitività.

La fiducia delle grandi compagnie internazionali nel settore marocchino è stata confermata nel 2012 con l’arrivo nel Regno del gruppo canadese Bombardier Aeronautique, che conta di installare a Nouaceur un’unità di produzione di componenti.

Il ministro ha inoltre spiegato come i cambiamenti profondi che conosce il trasporto aereo in Marocco dall’apertura, nel 2005, alle grandi compagnie europee, portino alla necessità di promulgare un nuovo codice dell’aviazione civile, in linea con le norme e gli standard internazionali.

Secondo gli esperti, il settore aeronautico in Marocco, che attualmente conta già 8 mila lavoratori altamente qualificati, dovrebbe creare, nei prossimi 10 anni, circa 15 mila posti di lavoro. (ANSAmed).