L’Unione europea vuole “vietare” la disoccupazione giovanile. La Commissione proporrà nei prossimi giorni l’introduzione di una garanzia per il lavoro, che offrirà nuove opportunità occupazionali, oppure tirocini formativi, ai ragazzi sotto i 25 anni al momento disoccupati.

GARANZIA PER I PIU’ GIOVANI – La Commissione europea proporrà una direttiva che chiederà l’adozione delle politiche che favoriscono l’occupazione giovanile al momento in vigore nei paesi scandinavi ed in altri stati membri come Austria e Lussemburgo. Secondo Frankfurter Allgemeine Zeitung la proposta del Commissario agli Affari Sociali László Andorsi basa in primo luogo sul modello adottato in Finlandia. Secondo questa “garanzia per il lavoro” i ragazzi sotto i 25 anni che hanno perso un posto di lavoro potranno ritrovare l’occupazione grazie ad un apposito intervento pubblico. La spesa statale potrà finanziare nuovi posizioni professionali, periodi di tirocinio oppure borse di studio per i ragazzi che sono ancora disoccupati dopo la perdita del lavoro, oppure che non hanno trovato occupazione dopo la fine del percorso scolastico. Nella bozza della Commissione è prevista un’estensione ai 30 anni per i laureati senza occupazione.

viaLa disoccupazione giovanile sarà “vietata” – Giornalettismo.