Non ha parlato a braccio questa volta. Papa Francesco ha scritto e tracciato i contorni del suo pontificato con l’Esortazione apostolica ‘Evangelii Gaudium’ pubblicata oggi. Il lungo documento sulla chiesa che verrà, è stato già consegnato simbolicamente a un vescovo, a un sacerdote e a un diacono, durante la messa conclusiva dell’Anno della fede. Una serie di puntualizzazioni, richieste. Sfide.

Quella che vuole di Bergolio è una chiesa aperta. Pronta a cambiare per prima: “Dal momento che sono chiamato a vivere quanto chiedo agli altri, devo anche pensare a una conversione del papato” postula nel paragrafo 32. “Siamo avanzati poco”, constata il Papa, nel senso richiesto da Wojtyla con la “Ut unum sint” del ’95. L’auspicio del Concilio sul contributo delle Conferenze episcopali e una collegialità concreta, “non si è pienamente realizzato”.

“Prudenza e audacia”, scrive Francesco e ribadisce quello che diceva a Buenos Aires: “Preferisco una Chiesa accidentata, ferita e sporca per essere uscita per le strade, piuttosto che una Chiesa malata per la chiusura e la comodità di aggrapparsi alle proprie sicurezze. Non voglio una Chiesa preoccupata di essere il centro e che finisce rinchiusa in un groviglio di ossessioni e procedimenti”.

viaPerlapace.