La notizia è una di quelle che non dispiace sentire: l’ultimo report ufficiale dell’Agenzia europea per l’ambiente (Aea) trasmesso alle Nazioni Unite la scorsa settimana, mostra che le emissioni di gas serra dell’Unione europea (Ue) nel 2012 sono diminuite del 1,3%, raggiungendo il livello più basso mai registrato, un risultato in gran parte attribuibile alle minori emissioni dei trasporti e dell’industria, ma anche alle nuove regole e alle politiche innovative che hanno favorito la forte crescita di energie rinnovabili e i miglioramenti dell’efficienza energetica. In generale si legge sull’Annual European Union greenhouse gas inventory 1990 – 2012 and inventory report 2014 (.pdf) dal 1990 le emissioni di gas serra nell’Unione europea sono calate di 1.082 megatonnellate (più delle emissioni del 2012 di Italia e Gran Bretagna messe insieme), un risultato che pone l’Unione con grande anticipo molto vicina al raggiungimento dell’obiettivo fissato nel Pacchetto Clima ed energia per il 2020, l’insieme delle misure pensate dalla UE per il periodo successivo al termine del Protocollo di Kyoto e che prevede un 20 % di riduzione rispetto al 1990.

E l’Italia che contributo ha dato? Significativo a quanto pare, anzi il più significativo, infatti, ha sottolineato l’Aea, “la sola Italia ha contabilizzato il 45% della totale riduzione netta dell’Ue nelle emissioni 2012”, un fenomeno, ha valutato l’agenzia ambientale dell’Ue, ”largamente dovuto a minori emissioni nei settori dei trasporti e dell’industria” al pari forse della devastante crisi industriale ed economica del nostro Paese. La seconda maggior riduzione dei gas serra in ambito Ue è stata della Polonia, “principalmente dovuta a una riduzione nel consumo di combustibili solidi”, come carbone e lignite, mentre nel 2012 sia il Regno Unito del fracking e del shale gas che la Germania lentamente denuclearizzata hanno aumentato le loro emissioni a causa di un aumentato ricorso ai combustibili solidi. Dati che confermano, a dire il vero, la marcia a diverse velocità dell’Europa: dove la crisi ha colpito di più, cioè da noi, le emissioni sono diminuite.

Per approfondire:

Unione europea: calano le emissioni di gas serra (anche in Italia) / Notizie / Home – Unimondo.